Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito  utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Cliccando su ACCETTO puoi continuare. Grazie

PARTIRE PER CRESCERE la vacanza alternativa: un antico modo di vivere il viaggio






Canzone di viaggio

Sole, brilla adesso dentro al cuore,
vento, porta via da me fatiche e cure!
Gioia più profonda non conosco sulla terra,
che l'essere per via nell'ampia vastità.

Verso la pianura inizio il mio cammino,
sole mi fiammeggi, acqua mi rinfreschi;
per sentire la vita della nostra terra
apro tutti i sensi in festa.

Mi mostrerà ogni giorno nuovo,
fratelli nuovi e nuovi amici,
finché senza dolore ogni forza loderò,
e di ogni stella sarò ospite e amico.

Herman Hesse



La vacanza così come oggi la intendiamo è un fenomeno sociale nato tra il ‘600 e il ‘700, quando la rivoluzione industriale prese avvio in Gran Bretagna per espandersi poi in tutta Europa. Prima di quell’epoca i viaggi, di esclusivo appannaggio delle classi abbienti, erano soprattutto concepiti come opportunità di conoscenza, scoperta, esplorazione o cura. Con l’ urbanizzazione e lo sviluppo del ceto medio, si delineò il bisogno di poter soggiornare, per un certo periodo, in luoghi più salubri delle città, ritenute ormai distanti dalle esigenze umane.
Questo concetto è sostanzialmente rimasto immutato sino a qualche decennio fa quando sono comparsi i primi suggerimenti di vacanze alternative, in risposta al crescente desiderio di esplorare e conoscere se stessi, di trovare equilibrio e stabilità interiore. Insieme al proliferare dell’offerta di libri, corsi, seminari e discipline, che si pongono come strumenti elettivi in questa ricerca, anche le vacanze sono diventate un'opportunità per concedersi un intervallo riflessivo, per ritrovare quei valori che la vita quotidiana ci fa dimenticare.

La villeggiatura si è perciò trasformata in un periodo in cui le due dimensioni, fisica e spirituale, ricevono pari attenzione per realizzare un autentico benessere. In questa visione si dà spazio a momenti riservati al silenzio, alla riflessione, al contatto con la natura, al consolidamento delle relazioni affettive, alla cura delle ferite fisiche e spirituali che la vita ha provocato nel corso dell’anno.
L’attenzione si sposta sul valore formativo dell’esperienza, non è la meta lontana che determina il valore educativo del viaggio, bensì la disponibilità individuale a “mettersi in viaggio” alla ricerca di se stessi, del mondo e degli altri.


Il viaggio come occasione di crescita e di sviluppo è una metafora tipica della letteratura.

Ci sono i viaggi delle fiabe (si pensi, per esempio, a Pollicino) che simboleggiano il passaggio alla vita adulta del protagonista giovane-eroe attraverso il superamento di prove e il passaggio attraverso esperienze-limite. C’è il viaggio di Ulisse, non giovane, ma adulto, alla ricerca di avventura, esplorazione e conoscenza. Ci sono i grandi viaggi biblici, collettivi più che individuali, e spesso non scelti ma costretti, caratterizzati dalla partenza come perdita e nostalgia e il ritorno come speranza. Ancora, c’è il Grand Tour, coronamento del percorso formativo del ricco aristocratico settecentesco, che portava alla scoperta di quel che aveva studiato nella realtà attraverso un percorso accompagnato fra le classicità, con centro l’Italia e nello specifico Roma. Nell’Ottocento ci sono poi le Wanderungen, romantiche e avventurose ricerche individuali dell’altrove ed espressione della volontà di fuga (Cambi 2011). Questo breve excursus storico nella letteratura classica suggerisce diversi significati del viaggio: viaggio come esplorazione, viaggio come scambio, viaggio come iniziazione o ancora viaggio come rottura e come contatto con la differenza.” https://eventi.erickson.it/didattiche2016/UnitaDidattica/artvgg

Aldilà delle mete che scegliamo fermiamoci un momento e chiediamo a noi stessi: quando programmo una vacanza cosa voglio? Cosa mi aspetto? Torno veramente rigenerato e pieno di entusiasmo e di nuova linfa vitale? Vado sempre negli stessi posti o cambio ogni volta destinazione? Parto lasciando a casa i miei problemi e quando torno li ritrovo lì ad aspettarmi? Lascio un po' di spazio all’improvvisazione? O è tutto prevedibilmente programmato? Queste e tante altre domande possono farci riflettere su ciò che significa davvero per noi “vacanza”.

Ecco dunque alcune nostre proposte per delle vacanze veramente speciali e per tutti i gusti!!!
Ovviamente ognuno di noi è unico e diverso e quindi le esigenze saranno davvero le più disparate.

 

Vacanza a piedi

Per esempio un classico intramontabile, se sei alla ricerca di te (stesso) ma al tempo (stesso) ti ricarichi con il movimento, ci  sono i cammini spirituali: puoi farli da solo, o in compagnia, ma devi comunque avere  un minimo di allenamento fisico. Il sommo poeta Dante Alighieri sintetizzò il cammino in una frase: “Déh peregrini  che pensosi andate…”. Pellegrino dal latino peregrinus “straniero” composto da per “al di là” e ager “campo, l’antico confine”. Il soggetto era chi partiva per ritrovarsi, in un apparente non senso legato all’idea di andar via per tornare al meglio. L’umile straniero che tutto intabarrato sforava il bordo dei campi, la prendeva alla larga: cercava Dio per trovare se stesso. Pronto a spingersi molto più in là di dove sarebbe arrivato solo per gli affetti o per gli affari. Il pellegrinaggio è un fenomeno vecchio come il cucco e conta tre componenti clou: la strada, la meta sacra e la ricerca di un pezzo mancante attraverso il perdono o una grazia…Questo fenomeno esplose nel Medioevo e l’identikit del pellegrino diventò un simbolo. Di uomini e donne che rischiavano la vita per riagguantarsi. Di “viaggi” così intensi da meritare le virgolette. Perché da che mondo è mondo “per belli divenire bisogna soffrire”. A maggior ragione, se l’avvenenza agognata è quella interiore.

Ce ne sono molti di cammini, ma il più famoso di tutti è sicuramente il Cammino di Santiago di Compostela, il capoluogo della Galizia, nel nord-ovest della Spagna. Oppure,  è conosciuta e ugualmente bella la Via Francigena, che, nell’antico itinerario di Sigerico calava da Canterbury quasi a piombo fino a Roma. Organizzare  questi cammini è abbastanza facile anche da soli, on line si trovano addirittura tutte le mappe che servono con tanti dettagli per organizzare il nostro personale cammino. In alternativa possiamo affidarci ad agenzie specializzate nei cammini spirituali.

Vacanza ayurverdica in India

Per coloro che da un soggiorno non cercano solo una vacanza ma un’autentica esperienza rigenerante. Le terapie ayurvediche si avvalgono di numerose erbe medicinali, di molteplici tecniche di massaggio associate a dieta e sedute Yoga. La millenaria medicina Ayurvedica non si rivolge al sintomo, ma al benessere globale psico-fisico della persona, al fine di ritrovare la propria centralità. 

Vacanza yoga

Gli amanti dello yoga e della meditazione potranno fare affidamento su luoghi ameni in Italia e all’estero al fine di trovare la pace dei sensi in località ad hoc profondamente ispirate da questa millenaria disciplina. Le tecniche di meditazione, così come quelle yoga, sono molteplici e varie ma tutte mirano a riattivare ed energizzare i nostri corpi, agire sul sistema nervoso rilassandolo in profondità, insegnare a spostarsi dal flusso costante dei pensieri e ad accedere ad altri livelli di consapevolezza oltre la mente.

Vacanza naturale e bio

Negli ultimi anni si riscontra sempre di più la tendenza a ricercare il salutismo, soprattutto come scelta di vacanza. Vacanze naturali, corsi di cucina vegana, vegetariana o macrobiotica, alimentazione biologica e consapevole. E’ un tipo di viaggio di turismo sostenibile, dove praticare stili di vita più attenti all’ambiente e al benessere. Un tipo di turismo responsabile che non finanzia alberghi a elevato impatto ambientale, preferendo strutture ben integrate nel contesto naturale e in grado di favorire lo sviluppo reale delle popolazioni locali.

Vacanza creativa

Danza, musica, teatro, pittura e fotografia sono attività artistiche e per questo terapeutiche. Questo vacanza può avvicinare a un tipo specifico di arte o semplicemente può permettere di condividere una passione con altre persone all’insegna della ricerca interiore e creativa.

Vacanza di terapia energetica

Reiki, shiatsu, bioenergetica, agopuntura, pranoterapia e l’elenco potrebbe continuare. Tutte le terapie energetiche si fondano sulla convinzione che esista una forza vitale universale, dentro e intorno al corpo e hanno la finalità di permette a chiunque, grazie all’esperienza diretta, di prenderne coscienza.

Vacanza spirituale

 

 

FINDHORN (Scozia) Settimana di Esperienza (per gli italiani). “E’ una settimana indimenticabile, un invito a lasciar andare i propri limiti, ad aprirsi all’Amore e diventare il cambiamento che si vuole vedere nel mondo”. sottolinea Isabella. “Un corso a Findhorrn offre la possibilità di sperimentare in questo luogo magico i principi su cui si basa la comunità: ascolto interiore, connessione con il divino e azione ispirata”. Qui si diventa parte integrante della vita quotidiana, godendo delle diverse opportunità per mettere in pratica il motto “il lavoro è amore in azione”. Il programma include momenti di meditazione, danze sacre, giochi, lavoro, una gita nella natura, il tutto con gioia e amore.
Come afferma Isabella Popani “la Comunità di Findhorn da 52 anni porta avanti il messaggio che è possibile vivere insieme con rispetto reciproco e in perfetta connessione con ogni aspetto della vita. Qui si vive una spiritualità pratica: ognuno viene guidato a cercare dentro di sé quella guida interiore che porta gradualmente a vivere la vita con maggiore consapevolezza e rispetto reciproco.

PLUM VILLAGE: ritiro con Tich Nhat Hahn in Francia un ritiro con il maestro zen vietnamita Tich Nhat Hanh (chiamato Thai, il Maestro) dedicato agli italiani, presso la sua comunità monastica vicino a Bordeaux, che ospita più di cinquecento tra monaci, monache e praticanti laici. Un incontro aperto a tutti, anche a bambini e adolescenti (per i quali ci sarà un programma apposito), in cui sarà possibile ascoltare gli insegnamenti dalla viva voce di Thai, praticare e condividere la propria ricerca di pace e gioia.
La pratica più importante è qurlla di sperimentare il presente: “Momento presente, momento meraviglioso”.

ANANDA ASSISI: la comunità della gioia Ananda Assisi, Centro internazionale di yoga e meditazione per l’autoconsapevolezza e l’evoluzione spirituale, è una piccola isola straordinaria. E'stata fondata sulle colline umbre, a pochi chilometri da Assisi, da Swami Kriyananda (al secolo sir J. Donald Walters, 1926-2013), diretto discepolo di Paramansa Yogananda, il guru indiano che portò lo yoga in occidente, noto in tutto il mondo per la sua Autobiografia di uno yogie non solo.
Corsi, seminari, viaggi, sono organizzati tutto l’anno in italiano e in inglese; e anche d’estate c’è un calendario ricco di proposte che vanno dallo yoga, la meditazione e il Kriya yoga, a corsi di ricarica energetica, sviluppo della creatività, canto, musica, contatto con la Natura, attivazione dei chakra, intelligenza intuitiva, autoguarigione spirituale, solo per citarne qualcuno.

STANSTEAD (Londra). All’Arthur Findlay College, corsi di medianità e trance Nel maniero di Stranstead, circondato da un bellissimo parco, settimana dedicata agli italiani (le lezioni sono in inglese con traduzione), organizzata come sempre da Steve Upton, che pratica e insegna la guarigione spirituale. Potranno partecipare studenti di tutti i livelli, anche chi è privo di esperienza. Ogni giorno, lezioni sullo spiritualismo, meditazioni e anche dimostrazioni degli insegnanti. Tre saranno i gruppi di specializzazione: comunicazione con il mondo dello Spirito, guarigione medianica (anche a distanza) e trance speaking, cioè la trance parlata, per trasmettere la filosofia e gli insegnamenti del mondo dello Spirito.
Sito web: http://www.arthurfindlaycollege.org

Vi lasciamo infine un elenco di siti da esplorare:

http://www.amritayoga.it/
http://www.antarctica.it/viaggi/
http://www.ananda.it/

http://chakruna.org/
https://www.consciousjourneys.com/it/
https://ecobnb.it/

https://www.fabiomarchesi.com/
https://www.holiram.com/
http://www.movimente.it/vacanze-per-lanima
https://www.naturopatia.org/
https://www.olisticmap.it/
https://www.robertazanetti.it/

https://selenecalloniwilliams.com/it/eventi/voyages-seminars
https://www.viaggiareconlentezza.com/
https://www.viaggidellanima.com/
https://www.viaggiemiraggi.org/

 

Brunetta Del Po – Daniela Temponi

 


BIBLIOGRAFIA

La via Francigena Compostela e altre mete sante, di Arianna  Valentino


SITOGRAFIA

http://www.crescita-personale.it/spiritualit%C3%A0/2070/vacanze-spirituali/2286/a

https://www.karmanews.it/17391/e-tempo-di-vacanze-la-scelta-migliore/

https://eventi.erickson.it/didattiche2016/UnitaDidattica/artvgg

https://www.milanocittastato.it/featured/vacanze-olistiche-ed-esperienziali-idee-per-lestate-2017/

https://www.karmanews.it/2999/le-vacanze-dello-spirito

http://www.umanesimocristiano.org/it/details-articles/estate-tempo-di-riposo--e-di-ristoro-interiore/25796241/

https://www.viefrancigene.org/it/

Cammini spirituali e pellegrinaggi – Apiediperilmondo

https://www.apiediperilmondo.com/cammini-5/