Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito  utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Cliccando su ACCETTO puoi continuare. Grazie

  • '
    '

La stagione del fuoco

In giugno si entra ufficialmente in estate, la stagione del fuoco che, come simbolo, rappresenta la passione fugace, la caducità e anche l’inganno a cui possono condurci i sensi.

L’estate resta la stagione più amata e attesa dell’anno, quella vissuta con maggior senso di libertà e spensieratezza. Il nostro corpo è soggetto a diverse modificazioni di cui è sempre protagonista e complice il sole.

I raggi solari infatti sono in grado di apportare effetti importanti sia attraverso il contatto con la nostra pelle, sia attraverso la luce che colpisce i nostri occhi e raggiunge e condiziona il nostro sistema nervoso.

Anche il cibo di stagione racchiude in sé molta della forza del sole, non a caso proprio in estate abbondano verdure e frutta che abbracciano tutto lo specchio cromatico.

Teniamo presente che i bagni di sole e un’alimentazione ricca di alimenti vegetali, naturali e il meno possibile elaborati, sarebbero sufficienti a farci stare bene. Una corretta esposizione ai raggi solari assicura infatti il fissaggio del calcio nelle ossa, grazie alla produzione di vitamina D, soprattutto importante negli anziani e nei bambini e, come abbiamo visto in questo periodo in cui avremmo dovuto comprendere l’importanza della parola “prevenzione”, le più recenti e innovative scoperte della scienza, indicano la vitamina D per la prevenzione di molte malattie anche gravi.

Aumentano anche i livelli di vitamina C, uno dei più potenti antiossidanti naturali, perciò la pelle si rinnova con più facilità grazie alla stimolazione della produzione di collagene.

Dal punto di vista ormonale cresce la sintesi di testosterone e serotonina dalle spiccate proprietà antidepressive e immunostimolanti: vi ricordo che in alcune parti del nostro cervello e della corteccia celebrale questi ormoni hanno grande importanza; molte cose ne stimolano la produzione, tra le tante ci sono coccole, abbracci e i contatti, il gioco e le relazioni di piacere: possiamo dire dunque che in questo periodo di chiusura forzata, questi ormoni non hanno avuto vita facile!!!