Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito  utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Cliccando su ACCETTO puoi continuare. Grazie

  • '
    '

L’ulivo, pianta della vitalità

Nel mese in cui tutte le altre piante iniziano il riposo vegetativo, l’ulivo raggiunge la maturazione senza perdere le foglie.

 

L’ulivo è considerato, per le popolazioni del Mediterraneo, un albero Sacro: gli antichi Greci pensavano fosse un dono degli Dei ed esaltavano l’uso del suo olio per diversi scopi terapeutici.
L’ulivo è anche la pianta che caratterizza la dieta Mediterranea, costituita da un giusto equilibrio tra verdura, pesce, legumi, frutta, con modeste razioni di carboidrati integrali e, appunto, olio extravergine di oliva.
Le foglie di ulivo contengono le maggiori quantità di sostanze dalle virtù ipotensive, diuretiche e fluidificanti del sangue, che riducono i livelli dei grassi.
Possiamo usare l’ulivo sotto forma di Macerato Glicerico, che agisce come riattivante, drenante e protettivo vascolare, prezioso per le donne che entrano nell’età matura e dopo la menopausa.
Possiamo semplicemente usare l’olio extravergine di oliva come integratore alimentare, utile per permettere un buon transito intestinale, prevenire gonfiori addominali e per non ostacolare il ritorno del sangue venoso dalle gambe al bacino attraverso le vene iliache.
Per mantenere pulito l’intestino, ogni mattina a digiuno, per tutto il mese di ottobre, bevi un cucchiaio di olio evo aromatizzato con qualche goccia di succo di limone, seguito da un bel bicchiere di acqua calda.
Puoi usare l’olio d’oliva per favorire l’attività del metabolismo delle cellule adipose, aiuta a ridurre i cuscinetti di adipe e migliore l’elasticità della cute se massaggiato sulle aree dove ristagna la cellulite.
Di grande efficacia è la stimolazione plantare con olio d’oliva aromatizzato alla lavanda, che riattiva la circolazione e, di conseguenza, evita la formazione della buccia d’arancia; come fare: con il polpastrello del pollice massaggia in senso antiorario la pianta dei piedi nella zona dell’arco plantare con qualche goccia d’oliva aromatizzato con 2-3 gocce di olio essenziale di lavanda, fino a frizionare anche tutta la zona del tallone.