Leggi l'informativa del Regolamento Europeo GDPR

Il sito  utilizza cookies per una migliore esperienza di navigazione. Cliccando su ACCETTO puoi continuare. Grazie

Codice Deontologico dei Naturopati

ISTITUTO RIZA DI MEDICINA PSICOSOMATICA - Scuola di Naturopatia

Mansionario del Naturopata

Codice deontologico e di autodisciplina

Milano, dicembre 2002 Copyright Istituto Riza di Medicina Psicosomatica
Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale.

In questi ultimi decenni, nella società occidentale, si è rilevato un netto aumento delle malattie cronico-degenerative da stress e da invecchiamento.
A fianco dei consueti presidi terapeutici, un numero crescente di persone si è rivolto con risultati soddisfacenti a discipline naturali che oggi dai più sono riconosciute come validi coadiuvanti del benessere e capaci di migliorare la qualità della vita.

Molti individui infatti traggono giovamento dall’utilizzo di tecniche e trattamenti che si ispirano a una concezione della vita in cui la Natura è il momento centrale. Tali tecniche prendono origine dalle grandi tradizioni di Oriente e Occidente e si ispirano alla visione unitaria di mente e corpo.

Questo genere di realtà si è affermato a tal punto da evidenziarsi l’esigenza di figure professionali capaci e seriamente formate che operino in questo nuovo settore del benessere che va di continuo ampliandosi e verso il quale il pubblico guarda con sempre maggior interesse.

Per questo motivo l’Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, attivo da trent’anni nel settore della formazione e dell’aggiornamento, ha dato vita a una Scuola di Naturopatia finalizzata a formare i futuri operatori del benessere.
In particolare, vista la relativa novità di questa figura professionale non-medica e la mancanza di una definizione chiara del suo ambito operativo, l’Istituto Riza ha ritenuto necessario e opportuno delinearne il profilo stilando un “Mansionario del Naturopata” che si è formato presso la sua Scuola nonché un “Codice Deontologico della Scuola di Naturopatia”.

MANSIONARIO DEL NATUROPATA

L’attività di questo operatore si sviluppa in due ambiti:

- il primo di tipo EDUCATIVO, all’interno del quale il Naturopata informa ed educa le persone che gli si rivolgono a conoscere e gestire il proprio equilibrio psico-fisico ed a raggiungere e mantenere uno stato di benessere, indicando a tal fine i comportamenti più idonei e fornendone le motivazioni
olistiche.


- il secondo di tipo ASSISTENZIALE ovvero di ausilio al cliente perché riconosca nel proprio terreno costituzionale eventuali squilibri di tipo psico-fisico-emozionale o predisposizioni ad essi e di intervento con metodiche “dolci” per favorire il ripristino dell’equilibrio e del benessere.

DOVE OPERA
- in palestre
- centri di fitness
- centri Benessere
- centri estetici
- in strutture termali/di balneazione
- in strutture assistenziali pubbliche/private per l’infanzia e la 3° età
- presso studi medici
- in ambienti propri

COME OPERA

Le indicazioni del Naturopata si iscrivono nel quadro di una riconciliazione con le leggi della Natura per creare condizioni di benessere e favorire una buona qualità della vita:

a) ricreando una sintonia con l’andamento ciclico delle stagioni attraverso un rapporto corretto con il cibo, l’acqua, l’aria, le alternanze di lavoro/riposo, sonno/veglia, luce/buio...

b) favorendo la riduzione del livello di stress

c) suggerendo i correttivi fondamentali dei comportamenti quotidiani al fine migliorare il rapporto con se stessi

d) recuperando un rapporto armonico con il proprio corpo e con l’attività fisica

La qualità della vita sarà la prima a beneficiare di questi interventi, associata al ripristino di tutte le risorse umane: biologiche (miglioramento delle risposte immunitarie) e psichiche (vitalità, creatività, sviluppo delle potenzialità individuali, benessere interiore ...).

CHE TECNICHE-STRUMENTI UTILIZZA

-TEST CONOSCITIVO KINESIOLOGICO-IRIDOLOGICO
Servono ad osservare il terreno costituzionale e conoscerne le caratteristiche energetiche e le risposte nonché studiare la tipologia di appartenenza.

-ALIMENTAZIONE NATURALE E RIEQUILIBRIO ALIMENTARE
Dà indicazioni informativo/educative in merito alle scelte corrette e ai comportamenti alimentari più opportuni da seguire per realizzare un sano regime alimentare.

-RIMEDI POPOLARI, OLI ESSENZIALI, FIORI DI BACH E ALTRI, ERBE E PIANTE, OLIGO E GEMMODERIVATI
Dà indicazioni informativo/educative per ritrovare e/o mantenere il benessere psico-fisico utilizzando gli aspetti energizzanti ed equilibranti di queste sostanze naturali.

-TECNICHE DI RILASSAMENTO
Per favorire un buon rapporto con la propria immaginazione e aumentare la creatività riducendo ed eliminando lo stress.

-MASSAGGI (PSICOSOMATICO, AYURVEDICO, ANTI-STRESS, BIOENERGETICO/
VEGETOTERAPICO, AROMA-MASSAGGIO, MASSAGGIO IN ACQUA...)
I tocchi e il contatto con il corpo servono a riattivare i centri vitali e a stimolare le potenzialità di auto-ristabilimento dell’armonia dell’organismo riducendo ed eliminando lo stress.

-TECNICHE DI AUTOSTIMA E RICERCA DEL PROPRIO TALENTO
Servono a realizzare un buon rapporto con se stessi e uno stile di vita consono alle proprie caratteristiche soggettive, sfruttando inclinazioni personali spesso trascurate.

-TECNICHE DI COMUNICAZIONE
Servono a migliorare il rapporto con il cliente e favorire nell’interlocutore una comunicazione spontanea, capace di per se di creare una condizione di benessere.

-TECNICHE DI MEDITAZIONE
Servono a incontrare stati profondi della nostra interiorità dove quiete e benessere sgorgano spontaneamente.

-TECNICHE DI ENNEAGRAMMA
Servono a individuare la tipologia di appartenenza secondo la tecnica ideata da G.Gurdijeff.

-MUSICA, COLORI E PROFUMI
La musica, i colori e i profumi vengono integrati nei diversi trattamenti per creare stati di rilassamento profondi e favorire il benessere.
La scelta avviene individuando alcune caratteristiche significative del cliente (uomo/donna, giovane/adulto/anziano, calmo/agitato, allegro/triste, introverso/estroverso...) oppure a seconda del tipo di lavoro che si vuole sviluppare (rilassamento, ginnastica, corsa, meditazione, massaggio...) o ancora del gradimento soggettivo del cliente stesso.

-QI GONG
Ginnastica di origine orientale atta a favorire il ripristino dell’equilibrio energetico.

-GINNASTICA PSICOSOMATICA E TECNICHE CORPOREE
Con specifiche tecniche si integrano il movimento corporeo e il lavoro con l’immaginario per favorire l’eliminazione di blocchi e tensioni e ristabilire un corretto equilibrio mente-corpo.

-RIFLESSOLOGIA PLANTARE
Per ripristinare l’equilibrio psico-fisico attraverso la lettura della mappa del piede e il massaggio podo-riflessologico.

-SHIATSU
Rappresenta un aiuto naturale al benessere psico-fisico basato su una tecnica manuale derivata dalla Tradizione cinese.

-ESTETICA OLISTICA E COSMESI NATURALE
Dà suggerimenti a carattere naturale per la protezione/trattamento del viso e del corpo e per l’igiene della persona.

-INDICAZIONI SULLA CASA ECOLOGICA
Si occupa in questo senso di dare suggerimenti a carattere naturale per l’ambiente in cui si vive nonché indicazioni riguardanti i colori/gli arredi/la disposizione degli ambienti/le piante/le essenze da diffondere nell’aria della casa e del posto di lavoro al fine di mantenere/migliorare il nostro benessere.

A TAL FINE IL NATUROPATA-RIZA STUDIA LE SEGUENTI MATERIE

* La visione olistica
* Il linguaggio simbolico-analogico del corpo
* Anatomia e fisiologia
* Alimentazione naturale
* Erboristeria e Fitoterapia
* Aroma - Oligo - Gemmoterapia
* Rimedi floreali
* Rudimenti di omeopatia
* Iridologia
* Riflessologia plantare
* Shiatsu
* Massaggio psicosomatico
* Massaggio Ayurvedico
* Massaggio Anti-stress
* Massaggio bioenergetico
* Aroma-massaggio
* Massaggio dei fluidi
* Idroterapia
* Cromoterapia
* Aromaterapia
* Kinesiologia
* Musicoterapia
* Trattamento estetico olistico
* Tecniche di rilassamento
* Meditazione corporea
* Qi gong
* Ginnastica psicosomatica e tecniche corporee
* Tecniche di Autostima
* Tecniche per la scoperta del proprio Talento
* Tecniche di Consapevolezza

CODICE DEONTOLOGICO E DI AUTODISCIPLINA

-Il Naturopata ha l’obbligo di mantenere il segreto professionale sulle informazioni ricevute dal cliente durante l’esercizio della professione.

-Il Naturopata è tenuto a rispettare le leggi sulla privacy.

-Il Naturopata non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati all’acquisizione della clientela. La pubblicità e l’informazione concernenti l’attività professionale devono essere ispirate a criteri di decoro, di serietà e di tutela dell’immagine della professione.

-Le norme del presente Regolamento sono vincolanti per tutti gli iscritti alla F.I.N.R. (Federazione Italiana dei Naturopati Riza).

-L’inosservanza dei precetti stabiliti nel presente Codice Deontologico e ogni azione od omissione comunque contrarie al decoro, alla dignità e al corretto esercizio della professione, sono punite secondo le procedure stabilite dal Regolamento disciplinare della F.I.N.R. Il Naturopata è tenuto alla loro conoscenza e l’ignoranza degli stessi non esime dalla responsabilità disciplinare.

-Il Naturopata è tenuto a mantenere un livello adeguato di preparazione professionale e ad aggiornarsi regolarmente nella propria disciplina. Ogni iscritto al F.I.N.R. è tenuto alla frequenza di congressi, seminari,corsi d’aggiornamento.

-Il Naturopata utilizza il proprio titolo professionale esclusivamente per attività ad esso pertinenti e non avalla con questo attività ingannevoli o abusive.

-Il Naturopata considera suo dovere promuovere l’armonia e il benessere psicofisico dell’individuo e opera per migliorare la consapevolezza delle persone. Egli riconosce i limiti della propria competenza e usa solo strumenti teorico-pratici per i quali ha acquisito adeguata competenza e, ove
necessario, formale autorizzazione.

-Nell’esercizio della professione, il Naturopata non utilizza indebitamente la fiducia degli utenti destinatari della sua prestazione professionale, ne rispetta la dignità e il diritto alla riservatezza, non opera discriminazioni in base a religione, nazionalità, stato socioeconomico, sesso di appartenenza, disabilità; utilizza metodi e tecniche salvaguardando tali principi e rifiuta la sua collaborazione ad iniziative lesive degli stessi. È responsabile dei propri atti professionali e delle loro dirette conseguenze.

-In ogni contesto professionale il Naturopata deve adoperarsi affinché sia il più possibile rispettata la libertà di scelta, da parte del cliente, del professionista a cui rivolgersi

-Nella sua attività di docenza, di didattica e di formazione il Naturopata stimola negli allievi e tirocinanti l’interesse per i principi deontologici, anche ispirando ad essi la propria condotta professionale.

RAPPORTI CON I CLIENTI

-Il Naturopata adotta condotte non lesive per le persone di cui si occupa professionalmente e non utilizza il proprio ruolo e i propri strumenti professionali per assicurare a sé o ad altri indebiti vantaggi.

-Il Naturopata, nella fase iniziale del rapporto professionale, fornisce al cliente informazioni adeguate e comprensibili circa le sue prestazioni, le finalità e le modalità delle stesse, il proprio compenso.

-Il Naturopata valuta ed eventualmente propone l’interruzione del rapporto professionale quando constata che il cliente non ne trae beneficio o, in modo ragionevolmente prevedibile, non ne trarrà; su richiesta, fornisce al cliente le informazioni necessarie a ricercare altri e più adatti interventi

-Costituisce grave violazione deontologica effettuare qualunque intervento di tipo diagnostico o terapeutico che si configuri come esercizio abusivo della professione medica.

-Al Naturopata è vietata qualunque attività che, in ragione del rapporto professionale, possa produrre per lui indebiti vantaggi diretti o indiretti di carattere patrimoniale o non patrimoniale, ad esclusione del compenso pattuito.

-Le prestazioni professionali a persone minorenni sono subordinate al consenso di chi esercita su di loro la potestà genitoriale

RAPPORTO CON I COLLEGHI

-I rapporti fra i Naturopati devono ispirarsi al principio del rispetto reciproco e della lealtà.

-Il Naturopata si impegna a contribuire allo sviluppo delle discipline naturopatiche e a comunicare i progressi delle sue conoscenze alla comunità professionale, anche al fine di favorirne la diffusione per scopi di benessere umano e sociale.

-Nel presentare i risultati delle proprie ricerche, il Naturopata è tenuto a indicare la fonte degli altrui contributi.

-Il Naturopata accetta il mandato professionale esclusivamente nei limiti delle proprie competenze. Qualora l’interesse del cliente richieda il ricorso ad altre specifiche competenze, il naturopata propone l’invio ad altro professionista.

-Nell’esercizio della propria attività professionale e nelle circostanze in cui rappresenta pubblicamente la professione a qualsiasi titolo, il Naturopata è tenuto a uniformare la propria condotta ai principi di serietà e dignità professionale e a presentare in modo corretto e accurato la propria formazione, esperienza e competenza.

-Qualunque pubblicità o informazione concernenti l’attività professionale devono essere ispirati a criteri di decoro professionale, di serietà scientifica e di tutela dell’immagine della professione.